Gio. Ott 21st, 2021

Forte mareggiata si abbatte sulla costa adriatica

Di Giusy Angelozzi

foto Certa stampa 

imageDanni agli stabilimenti e forti disagi a balneatori e turisti

E’ dalla mattinata di ieri, giovedì 16 Giugno, che la forza del mare non dà tregua. Onde alte circa due metri, hanno invaso le spiagge della costa abruzzese e marchigiana provocando danni agli stabilimenti balneari e disagi a balneatori e turisti.

Un mare da Levante con rinforzo da parte dello “Scirocco Garbino”, il vento caldo che ha portato nella zona interessata dalla mareggiata le temperature oltre i 34°.

imageUn mare che dalla giornata di ieri ha superato forza 6 e ha messo in allerta la protezione civile e tutti gli uffici locali marittimi dislocati su tutto il litorale per verificare se sia il caso di adottare misure estreme per tutelare in qualche modo le strutture ricettive.

Costa picena e teramana messa in ginocchio partendo da San Benedetto del Tronto, dove la riviera è stata colpita da venti forti creando così diversi disagi, passando poi per Martinsicuro ed Alba Adriatica dove la situazione viene tenuta sotto controllo, visto l’arrivo delle onde presso alcuni stabilimenti nella zona nord di Alba.

A Pineto la situazione non è da meno. Qui il moto ondoso ha raggiunto, in alcuni lidi, la quarta fila di ombrelloni, arrivando quasi a inondare la pineta storica.

“ Ad Alba Adriatica situazione fuori controllo con il mare che erode e che ormai è imprevedibile.” Commenta il presidente della Federalberghi Giammarco Giovannelli . “Questo è il risultato purtroppo dopo 10 anni di discussioni inutili riguardo una grave minaccia come quella dell’erosione che deve e dovrà essere affrontata con un urgentissimo progetto omogeneo territoriale e non singolarmente per le esigenze ogni singolo comune.”

Una situazione che di certo non favorisce il turismo di cui questa zona gode. Un inizio stagione da dimenticare dunque, non solo per questa imprevedibile mareggiata che si è abbattuta sul litorale, ma anche per la situazione metereologica dell’ultimo mese che ancora non riesce a stabilizzarsi.

 1,658 total views,  1 views today

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *