Dom. Set 26th, 2021

Sant’Omero, accesso atti amministrativi: sindaco risponde alla minoranza

Sant'Omero, accesso atti amministrativi: sindaco risponde alla minoranza

Il Difensore Civico ha chiarito che i consiglieri devono evitare di aggravare inutilmente il lavoro degli uffici con richieste non contenute entro i principi di ragionevolezza e proporzionalità

 

 

SANT’OMERO “La minoranza del Comune di Sant’Omero da tempo si è creata un motivo di doglianza per il presunto ostacolo all’accesso di atti amministrativi. A dirlo è il gruppo consiliare Sant’Omero che Vogliamo.

E loro istanze, quasi quotidiane, appaiono sempre più difficili da evadere per la mole dei dati richiesti e per la generalità delle stesse.

Fermo restando tutti i sacrosanti diritti dell’ordinamento, le richieste delle opposizioni sembrano finalizzate a scopi meramente emulativi o, con pesca a strascico, alla caccia di eventuali errori.
La minoranza, per vedere accolte le proprie ragioni, si è rivolta al Difensore Civico regionale Avv. Fabrizio Di Carlo.
Il Difensore Civico ha chiarito che le istanze di accesso agli atti devono essere specifiche e dettagliate recando l’esatta indicazione degli atti di interesse, ha chiarito che i consiglieri devono evitare di aggravare inutilmente il lavoro degli uffici con richieste non contenute entro i principi di ragionevolezza e proporzionalità, che l’ufficio può, riguardo alle richieste più onerose, evaderle con gradualità secondo i tempi necessari e le possibilità organizzative dello stesso, ma soprattutto occorre dare atto nell’istanza che la stessa muova da esigenze collegate all’esame di questioni proprie dell’assemblea consiliare (Sentenza n. 12/2019 della V Sezione del Consiglio di Stato).
Nonostante la chiarezza delle argomentazioni del Difensore Civico i consiglieri di minoranza insistono nella loro sterile polemica.
Ad oggi continuiamo a registrare istanze irrispettose dei principi indicati e tale comportamento tende a paralizzare la corretta funzionalità amministrativa dell’ente civico (e quindi degli interessi della Comunità) in carenza di personale e in un momento già duramente provato dal COVID-19.
Precisiamo, comunque, che nessun accesso agli atti è stato mai negato alla minoranza.
Ci permettiamo, infine, un pensiero amaro che affidiamo alla riflessione dei Cittadini: il Capo Gruppo della minoranza Giorgio Di Sabatino, finanziere, persona dai tanti interessi lavorativi, stimato dalla nostra Comunità, si è adagiato sulle posizioni estremiste di chi, dal 2004 al 2009, in giunta con il compianto Ernano Fucilitti, non seppe rimanere in maggioranza e, oggi crea, in opposizione, un clima che divide territori, persone e famiglie.”

 526 total views,  3 views today

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *