Lun. Ott 14th, 2019

Valle Castellana, caduta di massi e fango sulla provinciale 49

Valle Castellana, chiude la provinciale 49 per lavori di consolidamento

Le condizioni climatiche avverse stanno causando cadute di massi e fango che impediscono la normale circolazione ed aggravano sempre più la condizione della strada

VALLE CASTELLANA Il Comune di Valle Castellana torna a scrivere alla Provincia di Teramo una nuova segnalazione sulle condizioni di forte pericolo del tratto di strada Sp 49, compromessa dalle abbondanti piogge di queste ore.

“Le condizioni climatiche avverse, infatti, stanno causando cadute di massi e fango che impediscono la normale circolazione ed aggravano sempre più la condizione della strada in questione, il cui percorso è proibitivo e contro ogni norma del codice della strada” sottolinea il primo cittadino di Valle Castellana, Camillo D’Angelo. “Considerato il rischio concreto che incombe su coloro che transitano sulla Sp 49 abbiamo chiesto alla Provincia, con una nota per iscritto, di porre in essere immediatamente, e comunque non oltre le 48 ore, tutte le misure necessarie per ripristinare la normale funzionalità del tratto viario e per salvaguardare la sicurezza e l’incolumità pubblica, anche attraverso il monitoraggio della strada provinciale da parte dell’Esercito”.

Nella nota il Comune di Valle Castellana ha inoltre chiesto alla Provincia di Teramo di esprimere immediatamente il proprio giudizio tecnico sulla sussistenza delle condizioni per il transito sulla strada provinciale e di autorizzare espressamente il passaggio dei veicoli per il trasporto degli studenti.

“In assenza di riscontro entro 48 ore, il relativo servizio di trasporto verrà interrotto” sottolinea il Sindaco, Camillo D’Angelo. “Infine richiediamo nuovamente lo stanziamento di somme straordinarie per il monitoraggio ed il ripristino dei tratti in frana già opportunamente segnalati alla Protezione Civile Regionale e che, di seguito, si riportano nello specifico: strade delle frazioni di Mattere, Leofara, Pietralta, Capolaterra, Ceraso e San Vito”.

694 Visite totali, 1 visite odierne

Condividi e seguici anche su :
error

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *