Lun. Ott 14th, 2019

Tortoreto, “Prima gli Italiani”.CasaPound Italia attacca il Comune di Tortoreto sull’immigrazione

TORTORETO Duro attacco, con dati alla mano, da parte di Roberto Monardi , responsabile locale di CasaPound Italia Teramo – Val Vibrata, nei confronti della Amministrazione civica di Tortoreto.

“Siamo già intervenuti per il collocamento dei richiedenti asilo a Salino di Tortoreto, per ora in 25, ma in futuro sono previsti tra i 50 ed i 100 totali, con un guadagno, per la Cooperativa che gestisce l’albergo, tra i 2 mila ed i 3,5 mila euro al giorno per la sola struttura di Salino, senza contare le altre. Oggi anche l’Amministrazione Comunale Tortoretana avalla l’invasione in essere con il voler affidare a sedicenti profughi lavori che dovrebbero essere svolti, e remunerati, dagli Italiani senza lavoro”.

“L’invasione che stiamo subendo non può essere avallata da alcuna Amministrazione Pubblica, che deve necessariamente intervenire prima per gli Italiani”

“Con una disoccupazione reale oltre il 21% in Italia – precisa Monardi – non si possono togliere neanche i c.d. lavori socialmente utili,che permettono di fare qualche spesa o di pagare qualche bolletta arretrata ai lavoratori Italiani esclusi dal mondo del lavoro. D’altronde la sostituzione etnica odierna, chiamata fintamente immigrazione, è solo un grosso mercato per le Coop e terreno di infiltrazioni illecite come dimostrato dalle indagini e condanne di mafia capitale, dalle indagini da parte della Procura di Brescia sull’accoglienza, come da emerso per le attività delle ONG nel Mediterraneo”

“Ci opponiamo e ci opporremmo anche fisicamente sull’intero territorio allo sfruttamento dei nuovi schiavi a discapito degli Italiani, ed al Sindaco Piccioni replichiamo che invece di piegarsi ad accettare quello che è un nuovo modello di schiavitù, attui il «potenziamento delle politiche di sostegno alla famiglia con disagi socio-economici» e «l’inclusione attiva alle politiche del lavoro» per i Cittadini Tortoretani che ha promesso nel proprio programma politico”

“Per noi – conclude Monardi – ‘prima gli italiani’ non è uno slogan, ma un principio doveroso che dovrebbe essere alla base dell’azione amministrativa a tutti i livelli. Lo Stato Italiano, e per esso anche l’Amministrazione Comunale Tortoretana, deve occuparsi degli Italiani, a partire con la chiusura delle frontiere e con il non avallare la sostituzione degli Italiani con la manodopera gratuita o semigratuita di richiedenti asilo”

502 Visite totali, 2 visite odierne

Condividi e seguici anche su :
error

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *