Lun. Ott 14th, 2019

Tortoreto: Comune approva accoglienza Sprar, CasaPound: “Tradito il popolo Italiano”

Martinsicuro, immigrato tenta di occupare alloggio ed aggredisce Carabinieri. CasaPound:“conseguenze del business dell’accoglienza”

“Centrodestra unito con sinistra nel privilegiare gli stranieri a casa nostra”

TORTORETO CasaPound Italia interviene sulla delibera approvata dal Consiglio comunale di Tortoreto.

“Ieri è andato in scena l’ennesimo tradimento del popolo Italiano. Il Consiglio Comunale ha votato, con un solo voto contrario, l’adesione al progetto sprar, a partire dalla giunta che si definisce di centrodestra, alle opposizioni di sinistra” esordisce cosi Roberto Monardi, responsabile locale di CasaPound.

“Abbiamo assistito ad una esaltazione dello schiavismo e dello sfruttamento, con il menefreghismo dei c.d. Amministratori nei confronti dei cittadini Italiani e Tortoretani in particolare. Non una parola è stata spesa da nessun Consigliere, per quegli Italiani che non avranno il lavoro che faranno i richiedenti asilo per la falsa integrazione.”

“Assurda e senza fondamento la scusa usata per imbonire i Cittadini, che con la adesione allo sprar si limiterebbero i numeri dei richiedenti asilo nel territorio comunale, in quanto – precisa Monardi – con la stessa adesione l’Amministrazione aderisce ai numeri che decide e deciderà unicamente il Ministero dell’Interno e la Prefettura, senza possibilità alcuna di opposizione possibile del Comune”
“Ancora più assurdo è stata l’idea del Consiglio comunale di fare, in un prossimo futuro, una cooperativa Tortoretana per la gestione dello sprar, invece di pensare e realizzare vere attività ed opportunità per il territorio”
“Abbiamo assistito – conclude Monardi – al teatrino Nazionale della falsa opposizione all’invasione ed al falso Sovranismo che a livello nazionale viene tanto sbandierato, salvo poi, in sede amministrativa, adeguarsi ai diktat della sostituzione di popolo”

361 Visite totali, 1 visite odierne

Condividi e seguici anche su :
error

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *