Gio. Nov 21st, 2019

Nereto, smaltimento rifiuti liquidi: Comitato Vibrata Bene Comune scrive a Marsilio

Nereto, smaltimento rifiuti liquidi: Comitato Vibrata Bene Comune scrive a Marsilio

Lettera aperta inviata dal Comitato Vibrata Bene Comune al Presidente della Regione Abruzzo Marco Marsilio, in merito alla realizzazione dell’impianto di smaltimento rifiuti liquidi della Wash Italia s.p.a in zona Nereto (Te).

NERETO La stessa lettera  è stata inoltrata al presidente dell’Unione dei Comuni della Val Vibrata e ai sindaci dei Comuni interessati (come da intestazione della lettera), al fine di sensibilizzarli sul problema, visto che la richiesta del Comitato di convocare un Consiglio Straordinario aperto dell’Unione prima della Conferenza dei servizi prevista per il prossimo 14 novembre, è rimasta inascoltata. Ai sindaci si chiede di “impegnare la Giunta del proprio Comune a deliberare la sospensione dell’iter del progetto Wash Italia, allo scopo di approfondire tutti gli aspetti riguardanti la tutela della salute delle persone e dell’integrità dell’ambiente naturale del torrente Vibrata”.

Signor Presidente,

Il Comitato Vibrata Bene Comune con sede a Sant’Omero (Te), si è costituito il 22 luglio 2019 con la funzione di Osservatorio indipendente per la salvaguardia delle risorse vitali della Val Vibrata quali l’acqua che beviamo e utilizziamo per l’irrigazione delle terre fertili, per una alimentazione sana; l’aria che respiriamo grazie agli alberi che la purificano; le piante che producono ossigeno, frutti, sicurezza idrogeologica dei suoli e mitigazione del clima; fauna e avifauna che regolano i rapporti tra gli umani e tutto il sistema vivente; l’eco- sistema del mare per il patrimonio ittico e l’economia turistica.

Il Comitato è costituito da professionisti dell’ambito medico, docenti delle scuole di ogni or- dine e grado, studenti, operatori dell’agricoltura, dell’artigianato, del commercio, del turismo, della ricerca scientifica, dell’innovazione tecnologica e da persone impegnate nel volontariato sociale, culturale, sportivo e ambientale.

il Comitato segnala alle istituzioni pubbliche (Ministero Ambiente, Autorità Distrettuale del- l’Appennino Centrale, Prefettura, Guardia Costiera, Ente Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga, Regione, Protezione Civile, ARTA, ASL, Ruzzo, Provincia, Comuni) le criticità ambien- tali esistenti, la necessità della bonifica integrale dei siti contaminati per prevenire nuovi rischi am- bientali incompatibili con la salute umana e con gli equilibri della natura vegetale e animale.

Il Comitato, forte di un’ampia adesione di cittadine e cittadini, ha chiesto al Sindaco e all’in- tero Consiglio Comunale di Nereto, nella seduta del 3 ottobre 2019, di adoperarsi per impedire la realizzazione della piattaforma Wash Italia spa a Nereto per la depurazione di acque reflue non civili provenienti da varie regioni, per i seguenti motivi:
• L’alveo del Vibrata non è in grado di sopportare ulteriori scarichi di acque reflue industriali come

previsto dal progetto della piattaforma Wash Italia spa in quanto è un torrente con un flusso idri- co di portata debole, prodotto dalle acque di fusione della neve stagionale del versante nord-est della Montagna dei Fiori (Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga) nel breve periodo marzo-aprile, dalle acque meteoriche e dalle acque in uscita dai depuratori comunali;

  • Il torrente Vibrata è classificato “scadente” nel Piano di Tutela delle Acque, redatto dalla Regione Abruzzo, a causa dell’inquinamento cronico prodotto dalle lavanderie industriali e pertanto non possono essere consentiti nuovi scarichi che, se attuati, minerebbero la salute delle persone residenti e ospiti, colpirebbero l’agricoltura, l’ecosistema del mare Adriatico e l’economia turistica costiera vibratiana;
  • L’inquinamento del torrente Vibrata verificatosi nell’estate 2012, rilevato dall’ARTA, riempì le cronache nazionali di tv e quotidiani, con danni alla salute per residenti e turisti, facendo perdere la Bandiera Blu ad Alba Adriatica e Martinsicuro. Dal 2013 ad oggi, la Bandiera Blu non è torna- ta a sventolare sui litorali di Alba e Martinsicuro, con grave danno all’economia turistica;
  • La foce del torrente Vibrata è vietata permanentemente alla balneazione dal Ministero della Sa- lute, divieto confermato dalla D.G.R. Abruzzo n. 201 del 15.04.2019;
  • Il comprensorio della Val Vibrata continua a registrare un aumento esponenziale di tumori e leu- cemie per cui urge la prevenzione sanitaria e ambientale e una rigorosa indagine epidemiologi- ca;
  • Il CCR – VIA della Regione Abruzzo ha rilasciato, in data 30.09.2019 il “parere favorevole” sul progetto della Wash Italia spa, non tenendo conto del rischio esondazione del torrente Vibrata in prossimità del sito indicato per la piattaforma, del pericolo di sversamento dei liquami non depu- rati nel corso d’acqua in caso di emergenza dovuta al blocco improvviso del funzionamento del-

l’impianto, degli odori molesti e del rischio inquinamento del mare Adriatico distante pochi chilo-

metri;

  • La Regione deve chiedere al CCR – VIA il riesame del progetto della Wash Italia spa previo so-

    pralluogo del sito;

  • La Regione deve consentire la partecipazione alla Conferenza dei Servizi, fissata per il 14 no-

    vembre 2019, del Presidente dell’Unione dei Comuni Val Vibrata, dei Sindaci dei Comuni di San- t’Omero, Corropoli, Colonnella, Alba Adriatica, Martinsicuro e del Coordinatore del Comitato Vi- brata Bene Comune;

  • La Regione deve redigere un progetto per la bonifica integrale dell’alveo del Vibrata e delle falde acquifere limitrofe, in attuazione della Direttiva UE sulle acque;
  • La Regione deve sostenere il rilancio economico in chiave ecologica della Val Vibrata nell’ambi- to “area di crisi complessa”.

    La Regione, alla luce di quanto sopra specificato, deve bloccare il progetto dell’impianto della Wash Italia spa, incompatibile con il benessere fisico e psichico delle persone residenti e ospiti, in contrasto palese con lo Statuo Regionale e le Leggi vigenti in materia sanitaria, ambienta- le e di protezione civile

402 Visite totali, 1 visite odierne

Condividi e seguici anche su :
error

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *