Degrado cimitero Colonnella, la denuncia del Pd | VAL VIBRATA LIFE | MAGAZINE
Home DAL TERRITORIO Degrado cimitero Colonnella, la denuncia del Pd

Degrado cimitero Colonnella, la denuncia del Pd

Degrado cimitero Colonnella, la denuncia del Pd
0
0

Nelle scorse settimane molti di noi si sono recati nei cimiteri per la visita ai defunti. Abbiamo avuto occasione per constatarne lo stato, non c’è molto da aggiungere a ciò che è visibile a tutti, nonostante sia stato pulito e tirato lucido per la ricorrenza, i problemi del cimitero sono evidenti e tutti irrisolti. Nel corso del consiglio comunale del 29/09 del c.a. presentammo una interrogazione che, evidenziando lo stato di totale abbandono del cimitero comunale, chiedeva al sindaco quali fossero le intenzioni dell’amministrazione comunale per ripristinarne il decoro, e a tale scopo facevamo notare:

  • degli otto lampioni presenti ben quattro non sono funzionanti, tre di questi sono addirittura tranciati a metà.
  • la copertura impermeabilizzante in catrame sopra al cemento dei loculi è stata divelta dagli eventi atmosferici ormai da qualche anno, adesso giace vicino ai cassonetti, vorremmo sapere se e quando sarà ripristinata.
  • alcune parti della pensilina in cemento, in particolar modo vicino alla statua, sulla zona ovest della parte più vecchia, appaiono fortemente degradate tanto da far temere imminenti distacchi di cemento tale da costituire potenziale pericolo per i cittadini in visita ai propri defunti.
  • se siano mai stati richiesti preventivi per la realizzazione della chiusura automatizzata dei cancelli del cimitero.
  • se sarà introdotta, come in tutti i comuni che si chiamano civili, la chiusura del cimitero stesso durante le ore notturne, secondo quanto stabilito regolamento approvato con delibera n. 19 del 22/06/2014, articolo 97, capitolo 13. Sono passati tre anni, riteniamo sia opportuno dare concreta attuazione a quanto deliberato.
  • come si intenda facilitare l’accessibilità alle persone anziane nella parte sud della zona vecchia sui gradoni che costituiscono vere e proprie barriere architettoniche, altre scale risultano poi danneggiate in maniera tale risultare pericolose per l’incolumità delle persone.

Il sindaco in questo caso ci rispose immediatamente, non attese la seduta successiva del consiglio comunale per farlo

Ci raccontò che agli inizi del prossimo anno avrebbero pubblicato un bando europeo per la gestione del cimitero del valore di circa un milione di euro.

Il giorno successivo al consiglio, il sindaco si affrettò a far uscire sulla stampa un articolo che raccontava bugiardamente che il bando era già stato pubblicato e ad anno nuovo sarebbero partiti i lavori. Abbiamo controllato e scoperto che il bando è stato si redatto dall’ufficio tecnico, ma attende ancora di essere esaminato dalla giunta e poi pubblicato, siamo perciò ben lontanidalle ottimistiche dichiarazioni del sindaco.

Inoltre è incomprensibile come mai il Sindaco faccia redigere un bando europeo, la cui legittimità è da dimostrare, e non valuta l’affidamento (tra l’altro dovuto) alla Poliservice Spa che offre il servizio di gestione cimiteriale, così come ha fatto il Comune di Controguerra, e come si accingono a fare gli altri Comuni soci della stessa. L’attuale gestione del cimitero di Controguerra a cura della Poliservice può essere presa come esempio da seguire. Quello che vogliamo evidenziare è il mostruoso ritardo che ha accumulato in sei anni, questa amministrazione nei confronti della gestione del cimitero.

Ad esempio, sono trascorsi ormai tre anni dalla delibera di Consiglio Comunale del 22/06/2014 in cui l’amministrazione Pollastrelli pubblicava il regolamento di polizia cimiteriale, uno dei risultati pratici è che i cancelli restano ancora aperti durante la notte senza alcun controllo. Ciò che però sconcerta, sono le dichiarazioni del sindaco in consiglio Comunale che, per coprire la negligenza della sua amministrazione, si giustifica con affermazioni a dir poco “forti”. Dichiara infatti: “la società Truentum, affidataria dell’ampliamento del cimitero, ha distratto nelle proprie casse un importo di circa € 400.000 che i cittadini acquirenti dei loculi nuovi hanno pagato in più per sistemare il cimitero esistente”. Vogliamo immaginare che il sindaco abbia inconfutabili prove di quanto affermato e  abbia denunciato i fatti alle autorità competenti.

Il fatto certo è che dopo ben sei anni e passa di amministrazione Pollastrelli tutto ciò che accade a Colonnella, per il nostro Sindaco, è colpa della Truentum.

In realtà invece il dott. Naclito Emili liquidatore della società TRUENTUM SRL, nominato nel 2012 dallo stesso Sindaco Pollastrelli , ha richiesto al Comune di Colonnella (con molto ritardo), il pagamento di circa Euro 2.700.000,00 di lavori realizzati dalla TRUENTUM SRL che il Comune non ha mai pagato da oltre sei anni.

A questo punto appare evidente il vero motivo del fallimento della stessa società.

Ma va a vedere che il proposito del Sindaco, dopo tante chiacchiere e accuse a cui i colonnellesi hanno ingenuamente creduto, era proprio quella di farla fallire? Inoltre il Sindaco Pollastrelli si è impropriamente “preso gli onori” in articoli su vari quotidiani, facendo passare le opere realizzate dalla TRUENTUM SRL  come fatte dall’attuale amministrazione. Sono strade, fognature, cimitero, toponomastica, ecc. lavori concreti quotidianamente utilizzate dai cittadini colonnellesi, ma progettati e realizzati prima.

La nostra considerazione espressa in consiglio comunale è la seguente: dopo 6 anni e più di amministrazione a guida Pollastrelli, questo signore si ostina a dire che è sempre colpa di altri, un’amministrazione che in tre anni non riesce a dare attuazione ad una propria deliberazione è solo ed esclusivamente segnale di inadeguatezza e inefficienza.

695 Visite totali, 4 visite odierne

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *