Ven. Ott 30th, 2020

Crisi, la Banca Tercas aiuta i lavoratori in cassa integrazione

Il provvedimento prevede l’apertura di credito in un conto corrente con al massimo sei versamenti per ogni lavoratore di un importo non superiore all’80% della retribuzione mensile e con un massimo di 1000 euro. L’apertura del credito cesserà con l’arrivo del versamento INPS.

L’anticipazione è riservata a tutti i lavoratori in cassa integrazione dopo aver espletato tutte le procedure per il riconoscimento dello stato di crisi e per la richiesta di ammortizzatori sociali. Saranno a carico della provincia gli interessi passivi previsti dalla convenzione.

Viene dunque riproposto uno strumento già adottato con successo nel 2010 anche grazie al pieno appoggio della Banca Tercas, per dare una risposta concreta alla crisi visto che, solitamente fra la dichiarazione dello stato di crisi aziendale e l’effettiva erogazione dell’indennità da parte dell’INPS, trascorrono diversi mesi.

La Banca Tercas si propone l’obiettivo di restituire la fiducia nel futuro in un momento di profonda crisi in cui sono evidenti i bisogni economici della comunità.

Per maggior informazioni ci può rivolgere al Servizio crediti speciali della Banca Tercas o direttamente agli sportelli di filiale.

1,123 Visite totali, 1 visite odierne

Condividi e seguici anche su :
error

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *